Nabuk e scamosciato : pelli per l’antinfortunistica

Quando vediamo un oggetto in pelle difficilmente, se non si è addetti al settore, si riesce a distinguere se si tratti di pelle nabuk o scamosciata; questo perché, ad occhio, sono molto simili tra loro. Una similitudine derivante dal fatto che sono entrambe ricavate dagli stessi animali : mucca, vitello, montone, cervo. La cosa che le differenzia è il tipo di procedimento utilizzato per la loro realizzazione e il loro trattamento. Ma vediamole più nel dettaglio.

Nabuk, delicatezza e consistenza


Caratterizzata da una superficie morbida e vellutata, il nabuk è capace di regalare sensazioni uniche al tatto, motivo per cui è una delle pelli più pregiate in circolazione. La sua particolarità deriva dal fatto di essere una pelle lavorata a “pieno fiore”, ricavata cioè dalla parte esterna della coltre dell’animale, quella del pelo. Per questo motivo ci si può imbattere in delle “imperfezioni”, come cicatrici o graffi, o riuscire a distinguere addirittura le venature e i pori dell’animale, che donano alla pelle una sensazione tattile ineguagliabile. Il trattamento dedicato ai prodotti fatti in Nabuk offre un effetto vellutato che li rende raffinati e delicati ma, allo stesso tempo, più robusti, resistenti e duraturi.

Scamosciato, comfort e morbidezza


La pelle scamosciata si ottiene privando la pelle del “fiore” e lavorando invece lo strato interno della crosta, quella della carne. Questo differente procedimento rende i prodotti in pelle scamosciate meno pregiati di quelli in nabuk ma sicuramente regala loro una maggior morbidezza al tatto e li rende tendenzialmente più economici. Questa idea di comfort e leggerezza fa si che le pelli scamosciate siano utilizzate per la fabbricazione di indumenti primaverili ed estivi.

Conceria Bruttomesso, pellame per l’antinfortunistica


Nonostante il loro impiego maggiore lo si trovi nel campo della moda, le pelli nabuk e scamosciate possono essere utilizzate anche nella produzione di calzature antinfortunistiche.
Conceria Bruttomesso, azienda vicentina rinomata per la lavorazione della pelle, realizza tra le altre pellami su misura per la fabbricazione di scarpe antinfortunistica, con trattamenti eseguiti secondo specifiche volontà del cliente.
In particolare, la collezione Work offre entrambe le tipologie di pellame :

  • la linea “suede” garantisce affidabilità e comfort grazie alla crosta scamosciata di bovetto. Disponibile sia normale che impermeabile
  • la linea “nabuk” è invece una crosta rifinita che ripropone l’effetto vellutato e liscio del nabuk. Disponibile nella versione normale e in quella nylon
Condividi su:
Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn