Come scegliere una sedia ergonomica ben progettata ed adatta alle nostre esigenze

Chi svolge un lavoro d’ufficio trascorre una grande quantità di tempo seduto alla scrivania. Se la sedia utilizzata non è correttamente progettata nelle sue forme per garantire una postura corretta, questo può essere causa sia di problemi nel breve termine, come l’aumento dello stress fisico ma anche psicologico, con una conseguente diminuzione del benessere e della produttività, sia a lungo termine, provocando danni alla colonna vertebrale.
Per prevenire l’insorgere di queste problematiche è importante munirsi di una sedia ergonomica ben progettata, che sia in grado di consentire una seduta attiva, con lo scaricamento del peso dalla colonna vertebrale. Come scegliere la sedia ergonomica giusta? Quali caratteristiche deve avere una sedia ergonomica per migliorare veramente la postura che assumiamo tutti i giorni al lavoro?

come scegliere la sedia ergonomica come scegliere la sedia ergonomica
come scegliere la sedia ergonomica come scegliere la sedia ergonomica
come scegliere la sedia ergonomica come scegliere la sedia ergonomica
come scegliere la sedia ergonomica come scegliere la sedia ergonomica
come scegliere la sedia ergonomica come scegliere la sedia ergonomica
come scegliere la sedia ergonomica come scegliere la sedia ergonomica

Esistono ormai sul mercato molti modelli disparati di sedie ergonomiche dal design sia sobrio che futuristico, in grado di accontentare tutti i gusti. Questo tipo di sedie sono generalmente costose, come capire quindi se stiamo facendo l’acquisto giusto o se stiamo buttando i nostri soldi? La cosa migliore da fare per scegliere una sedia ergonomica è provarla. L’ideale sarebbe trovare un collaga, un amico o un conoscente, disposti a prestarcela, così da poterla provare per un periodo minimo di 2 settimane/1 mese.
Tuttavia, per tutti coloro che non hanno la possibilità di farsi prestare una sedia ergonomica per un test, ecco una lista di piccoli suggerimenti in grado di guidarci nella scelta di una seduta correttamente progettata ed adatta alle nostre esigenze.

  • Regolazione dell’altezza della seduta: nel caso di sedie/poltrone ergonomiche con seduta tradizionale, è importante che sia previsto una meccanismo per la regolazione dell’altezza. Il più comodo è il meccanismo pneumatico regolabile tramite la leva posta sotto al sedile. Il range di regolazione d’altezza deve permettere un corretto uso della sedia sia ad una persona di bassa statura che ad una alta. Una buona escursione è quella che vai dai 40 ai 55 centimetri. Ad ogni modo, se avete la possibilità di provare la sedia, assicuratevi di poter regolare l’altezza ad un livello tale che vi consenta di tenere le ginocchia ad un angolazione di 90° mentre i vostri piedi appoggiano a terra con tutta la pianta.
  • Larghezza e profondità del piano seduta: la larghezza del piano seduta deve essere sufficiente da poter sostenere comodamente diverse corporature, le dimensioni standard di larghezza vanno dai 43 ai 50 centimetri. La profondità della seduta deve essere sufficiente da permettere un appoggio completo, ma non troppo profonda. Ideale è una seduta che permette l’appoggio della zona lombare alla parte bassa dello schienale, mentre la parte interna delle ginocchia si trova a 2-3 centimetri di distanza dal bordo frontale della seduta. Importante anche la possibilità di regolazione dell’inclinazione dello schienale.
  • Supporto lombare dello schienale: è una delle parti fondamentali di una sedia ergonomica da ufficio. Il design tipico degli schienali ergonomici presenta una rientranza
    nella parte bassa che permette di accompagnare la forma della spina dorsale, sostenendo nel contempo la zona lombare esterna. L’utilizzo, nel lungo periodo, di sedute che non presentano questo tipo di curvatura può causare la modifica della curvatura naturale della colonna vertebrale. Un ottimo optional di cui tener conto è la possibilità di regolare questa curvatura dello schienale in modo da adattarlo al meglio alla conformazione della nostra spina dorsale.
  • Schienale regolabile: è importante che lo schienale della sedia ergonomica possa essere regolato per sostenere al meglio la nostra schiena garantendo la giusta posizione della colonna vertebrale. Nel caso in cui seduta e schienale siano unite dovrà essere possibile regolare lo schienale con un movimento angolare in avanti e indietro, nel caso seduta e schienale siano separati, dovrà essere consentita la regolazione in altezza e l’inclinazione.
  • Materiali: la sedia deve essere imbottita e sufficientemente morbida da permettere un utilizzo prolungato senza causare dolori, non dovrà essere troppo morbida per evitare di consentire posture scorrette. Meglio accertarsi che i materiali del rivestimento siano traspiranti così da non causare eccessiva sudorazione. Nel caso di utilizzo in laboratori, esistono specifiche sedie ergonomiche realizzate interamente con materiali antistatici, che evitano l’accumulo di cariche elettrostatiche su chi le utilizza.

Le caratteristiche fin qui esposte riguardano prevalentemente le sedie ergonomiche tradizionali, nel caso delle sedute ergonomiche “speciali” possiamo fare qualche altra considerazione:

  • supporto a dondolo: questo tipo di supporto ha lo specifico scopo di evitare la staticità e rendere la seduta attiva, evitando i sovraccarichi prolungati di una o dell’altra porzione del corpo. In generale questo tipo di soluzione è preferibile a quella statica, è tuttavia bene testarla poiché potrebbe non essere gradita.
  • braccioli: il 90% delle sedie da ufficio sono munite di braccioli, un optional installato forse più per una questione estetica che non per la sua utilità. I braccioli sono infatti un ingombro, in quanto impediscono di distendere le braccia correttamente lungo il corpo quando non stiamo utilizzando la tastiera, possono altrettanto essere un intralcio per i gomiti mentre digitiamo, ed infine, nella maggior parte dei casi non ci consentono di regolare correttamente l’altezza della nostra seduta in quanto sbattono contro il piano della scrivania.
  • Diverse posizioni: le migliori sedie ergonomiche sono progettate in modo da permetterne l’utilizzo in diverse posizioni, questo tipo di soluzione è molto indicato in quanto permette variare la propria posizione diminuendo l’irrigidimento delle articolazioni dovuto ad una prolungata permanenza in una posiziona statica.

Per trovare consiglio nella scelta della giusta sedia ergonomica, segnaliamo il negozio di mobili “Arredamenti Farronato”, che da anni è specializzato nel settore dell’ergonomia. Visitando il sito del negozio si possono consultare le offerte attualmente attive sulle sedie ergonomiche. 

Condividi su:
Facebook
Google+
http://www.complementi-arredo.eu/arredamento-ufficio/come-scegliere-una-sedia-ergonomica/
Twitter
Pinterest
LinkedIn